Recensioni film ai festival, in home video, streaming e download

Ti trovi qui:HomeCinema e dintorniFuori salaBad Luck Banging or Loony Porn - Recensione

Bad Luck Banging or Loony Porn - Recensione

Trionfatore al Festival di Berlino 2021, Bad luck banging or Loony porn del regista romeno Radu Jude si impone come uno dei film più riusciti e drammaticamente veri, dietro la livrea di sarcasmo e dissacrazione, di questi ultimi anni

Un prologo esplosivo in perfetto stile homemade porn, un primo atto in stile documentario voyeuristico tra le strade caotiche di Bucarest a pedinare la protagonista, un secondo atto di pensieri, parole ed immagini, spesso aforismi per fotografare il grado di degenerazione della società rumena (e, mutatis mutandi, di tutto l’universo europeo e occidentalizzato), un terzo atto parossistico e sarcasticamente grottesco ed un finale a scelta fra tre possibilità: con questa struttura narrativa originale ed ovvia al tempo stesso Radu Jude, tra i più interessanti autori del vitalissimo e per tanti versi sorprendente  cinema romeno, non solo sbaraglia il campo alla Berlinale 2021 aggiudicandosi l’Orso d’Oro per il miglior film, ma costruisce una delle opere più belle, divertenti e tragicamente dissacranti degli ultimi anni.
Il filmino che funge da prologo è il frutto di una fantasia erotica di una insegnante scolastica: la ripresa esplicita dell’atto sessuale con il marito, con tanto di parrucche e di riprese degne del miglior film amatoriale di genere; il filmato però finisce, non si sa come, ben presto in Rete e la donna si trova costretta ad affrontare il giudizio dei funzionari della scuola e dei genitori dei ragazzi suoi allievi.
Nel primo atto vediamo la donna muoversi a piedi per le strade di Bucarest, ripresa sempre da una certa distanza, con la telecamera che si posa sulle insegne pubblicitarie che invitano al fitness, alla cura del corpo, al consumismo più sfrenato, ma anche sulle risse verbali nei mercati, per strada, sulla inciviltà degli automobilisti che con macchine gigantesche non si preoccupano minimamente di come esse siano parcheggiate: uno spaccato di una società degradata, racchiusa in se stessa e che, soprattutto, e forse è la prima volta che lo vediamo sul grande schermo, alle prese con la pandemia da Covid-19 che imperversa nel mondo (le riprese sono dell’estate del 2020). Tutto questo frammento di cinema, che appare più un reportage socio-antropologico-voyeuristico, è girato all’insaputa degli ignavi passanti, alcuni dei quali non si fanno problema a rivolgersi alla macchina con improperi ed insulti; questa è la civiltà odierna, compressa da una pandemia che ne sgretola i contorni e che la porta vicina al punto di rottura: un propedeutico quadro di insieme che fa da sottofondo al racconto e che al tempo stesso è alla base dei comportamenti delle persone.
Il secondo segmento è ancora più raggelante, per molti versi: una carrellata di immagini, a volte senza commento, altre con brevi didascalie, quasi un intervallo stile RAI Anni '60-70 in cui ce n’è per tutti: fascisti, nazisti, comunisti, post-comunisti, razzisti, complottisti, Ceausescu, Rivoluzione del 1989, storia della Romania, divagazioni su sesso orale, su organi genitali, violenza sulle donne e sui bambini. Come si vede, tutti aspetti che fanno parte sì della storia recente della Romania, ma che possono facilmente essere trasportati in qualsiasi altra realtà, perché secondo Jude è il mondo intero che ha perso la bussola lasciando un'umanità priva di qualsiasi indirizzo.
Unendo la prima sezione e la seconda abbiamo quindi uno spaccato completo su una società che nel terzo si prepara ad imbastire un grottesco processo alla povera insegnante Emi, colpevole di avere avuto un comportamento indecente agli occhi dei ragazzini ma soprattutto dei genitori ipocriti e finto perbenisti. Ed è proprio con questo terzo capitolo che Radu Jude coagula in maniera magnifica la sua riflessione storico-antropologica, con una ricchezza di dialoghi e di citazioni, sempre in bilico tra il ridicolo e il sarcastico. La giuria di genitori che dovrà decidere sul futuro di Emi è lo specchio della società, pateticamente rappresentata anche dalle assurde mascherine indossate, compresa quella del prete con su scritto “I Can’t Breath”, e anche qui il regista va giù pesante, con ritmo e con un brio carico di dissacrante ironia: citazioni riguardanti cantanti, personaggi storici (Stefano il Grande, sovrano moldavo del XV secolo ed eroe nazionale), poeti (Mihai Eminescu, altro baluardo nazionale rumeno), addirittura un riferimento al Bunga Bunga italico, propaganda giudaica, divagazioni pedagogiche sulla funzione dell’insegnamento scolastico, citazioni di Bill Gates e Soros, ma soprattutto una riflessione amara e al tempo stesso divertita su cosa si può definire pornografico: lo è forse una fantasia personale tra consenzienti? Oppure è pornografia l'amoralità della società moderna che non si crea problema ad abbattere regole e a cavalcare i fantasmi del complottismo e dell’ipocrisia?
“Tutti noi sappiamo che Hitler e gli ufficiali dei campi di lavoro erano ebrei che hanno ucciso i loro simili per avere la scusa per creare Israele”, è una delle tante teorie complottiste che il colorito tribunale di genitori ha partorito per bocca dell’ufficiale dell’esercito. Oltre ad aver generato una delle battute più geniali e grottescamente divertenti del cinema degli ultimi anni, il regista ci indica il livello di grettezza e mancanza di etica, ignoranza elevata a verità che permea la società moderna e dalla quale ci mette in guardia.
Per fortuna che abbiamo la possibilità di sceglierci il finale che più ci aggrada, compreso un surreale epilogo catartico e fumettistico, a dimostrazione ulteriore che l’uomo deve riacquistare la ragione per poter riprendere una esistenza normale una volta controllata e sconfitta la pandemia, perché per Radu Jude il messaggio è chiaro: il Covid-19 farà ben più danni di quanti ne possa fare sul fisico di noi poveri cittadini di questo mondo.

Bad Luck Banging or Loony Porn è insomma un film che segnerà questo periodo di pandemia, un’opera intelligente, pungente, rigorosamente sarcastica  e profonda, una riflessione tra il divertito ed il sinceramente preoccupato di un regista che riesce come pochi ad attualizzare la Storia ed i percorsi che essa compie nel tessuto della società. I tre segmenti del film, più il geniale finale, sono tutti, a modo loro, delle piccole lezioni di cinema, quattro graffianti e geniali momenti di riflessione sotto forma di un divertissement da commedia.




Il nostro giudizio: Il nostro giudizio è 4.5

  Vai alla scheda del film
  Trailer del film


Video

Massimo Volpe

"Ma tu sei un critico cinematografico?" "No, io metto solo nero su bianco i miei sproloqui cinematografici, per non dimenticarli".

Altro in questa categoria: « The White Fortress - Recensione

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni, leggi la Cookies policy.